fbpx

Category Archive Latest News

Permessi di soggiorno: proroga al 31 luglio 2021 per quelli in scadenza entro il 30 aprile

Nel decreto legge che introduce disposizioni urgenti in uscita a breve c’è una nuova proroga per i permessi di soggiorno: la validità viene spostata a fine di luglio 2021. 

In attesa che il decreto legge venga pubblicato la conferma è presente nella sintesi contenuta nel comunicato di Palazzo Chigi.

viene spiegato che “i permessi di soggiorno in scadenza entro il 30 aprile sono prorogati al 31 luglio 2021. , gli interessati possono comunque presentare istanza di rinnovo. 

Vedi anche…

Come si entra in Italia per lavoro?

I cittadini non comunitari possono entrare in Italia per lavorare ed ottenere a questo fine un regolare permesso di soggiorno.


I permessi di soggiorno per motivi di lavoro possono essere rilasciati per lavoro subordinato, per lavoro stagionale, per lavoro stagionale pluriennale, per lavoro autonomo.


Il numero degli stranieri che può entrare in Italia per motivi lavorativi è fissato dai “decreti flussi”


Quando i decreti flussi non vengono emanati o se i posti previsti sono esauriti, non è possibile entrare in Italia in maniera regolare per lavoro.

Questi decreti, generalmente, prevedono che il lavoratore non sia già in Italia e che venga dunque “chiamato” dal datore di lavoro che richiede una autorizzazione all’assunzione.

Bonus baby sitter 2021 e congedo parentale: nuove regole per la richiesta del bonus

Vediamo adesso tutte le novità che rientreranno nel Decreto nei prossimi giorni.

Lavoratori in Smart working e congedi per i lavoratori dipendenti con figli conviventi minori

È prevista per il lavoratore dipendente, genitore di figlio convivente minore di sedici anni, alternativamente all’altro genitore, la possibilità di svolgere l’attività lavorativa in modalità SMART

  • per un periodo corrispondente in tutto o in parte alla durata della attività scolastica a distanza;
  • per tutta la durata dell’infezione  Covid-19 del figlio se affetto;
  • nonché per la durata della quarantena del figlio disposta dal dipartimento di prevenzione della azienda sanitaria locale.

La richiesta può essere retroattiva e riguardare il periodo dal primo gennaio 2021 in poi.

 il Governo concede al genitore lavoratore dipendente di figlio minore di anni quattordici, di astenersi dal lavoro periodi indicati , in alternativa all’altro genitore.

Congedi retribuiti al 50%

Sempre nel caso in cui non sia possibile lavorare in modalità agile, il Decreto Legge ha previsto la corresponsione un’indennità straordinaria pari al 50% della retribuzione in favore dei genitori di bambini di età minore di 14 anni o con disabilità grave.

Congedo non retribuito per i figli tra 14 e 16 anni ma con divieto di licenziamento

per i genitori di figli di età fra 14 e 16 anni non è prevista alcun aiuto economico. Possono restare a casa dal lavoro, senza poter essere licenziati , mantenendo il proprio posto di lavoro

Bonus baby sitter per autonomi, medici e infermieri

Per i lavoratori autonomi, gli operatori sanitari, medici e forze dell’ordine, per i figli conviventi minori di anni 14, possono scegliere uno o più bonus per l’acquisto di servizi di baby sitting nel limite massimo complessivo 100 euro settimanali.

Le famiglie con più figli possono presentare anche più domande, una per ogni figlio. Il limite pari a 1000 euro 

Il bonus baby sitter 2020  viene rinnovato anche per il 2021

Il Governo con il nuovo Decreto del 12 Marzo 2021 ha previsto che nei casi di sospensione delle attività scolastiche o di infezione o quarantena dei figli:

  • i genitori lavoratori dipendenti hanno la possibilità di usufruire di congedi parzialmente retribuiti;
  • i genitori lavoratori autonomi, le forze del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico, le forze dell’ordine e gli operatori sanitari hanno la possibilità di optare per un contributo per il pagamento di servizi di baby sitting, fino al 30 giugno 2021.

Bonus fino a 100 euro a settimana per alcune categorie di lavoratori: autonomi, operatori sanitari e forze dell’ordine. Si attende di sapere se il decreto Sostegno introdurrà altre novità.

Per il momento non è ancora possibile presentare domanda. Bisogna attendere la nota operativa Inps.

La proroga al 30 aprile 2021 per chi ha già fatto domanda.

REQUISITI

Per richiedere il BONUS baby sitter, inoltre, bisogna possedere i seguenti requisiti:

  • nessuno dei genitori deve beneficiare di strumenti di sostegno al reddito in caso di sospensione o cessazione dell’attività lavorativa quali NASPI, CIGO, indennità di mobilità e simili;
  • nel nucleo familiare non deve esserci altro genitore disoccupato o non lavoratore;
  • il servizio di baby sitting non deve essere prestato da un familiare.

Il bonus può avere un importo complessivo fino a 1.000 euro.

DEVI VIAGGIARE ALL’ESTERO? Alcune utili informazioni.

In questo periodo e possibile trovare degli ostacoli per le persone che si preparano per un viaggio di lavoro , studio , visita famigliare oppure turismo.

Prima di partire e consigliato informarsi e sulle regole in vigore nel paese di destino.

Poiché per viaggiare nelle varie nazioni sarà necessario fare preventivamente delle richieste e/o registrazioni del proprio ingresso.

Oppure fare il tampone.

Per altri un’autocertificazione ed impegno ad effettuarlo entro 48 ore dall’arrivo acc.

Può essere richiesto all’arrivo un periodo di quarantena.

HAI BISOGNO D’INFORMAZIONI O AIUTO PER IL TUO VIAGGIO?

La World Immigration di Padova , da molti anni offre assistenza e consulenza per richieste di visto d’ingresso in Italia , visti turistici e consolari dall’Italia verso tutto il mondo.

In questo momento il Covid ha modificato il nostro modo di viaggiare e le procedure d’ingresso nei vari paesi del mondo.

Esistono delle procedure da seguire in base al paese estero di destinazione , ed esistono delle procedure da seguire per l’ingresso in Italia.

Puoi rivolgerti alla nostra agenzia per avere assistenza e consulenza per gli adempimenti necessari da effettuare prima di metterti in viaggio .

Modulistica

Richieste

Reggistrazioni

Visti

Assicurazioni Viaggio

Polizze salute

BONUS BEBE 2021 , CHI PUO CHIEDERLO E COME!

Il bonus bebè 2021 è un incentivo destinato alle famiglie che hanno appena avuto un bimbo, oppure lo hanno adottato o ancora ce l’hanno in affitto preadottivo

Lo si può richiedere per tutti i bambini nati tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 2021

Per ottenerlo , e necessario essere in possesso de permesso di soggiorno per soggiornanti a lungo periodo UE , carta soggiorno famigliare , Cittadinanza Italiana .

La domanda per ottenere il bonus bebè 2021 deve essere presentata all’Inps entro 90 giorni dalla nascita o adozione del figlio.

Visita la nostra sessione pratiche per:

CITTADINANZA IN DUE ANNI

La nuova riforma stabilisce che il termine per la concezione della cittadinanza Italiana ritorna a 2 anni , che possono essere prorogati a massimo 3 anni.

Questo per quanto riguarda le istanze presentate dopo il 20 Dicembre 2020

Per le istanze presentate prima di quella data , resta in vigore il termine precedente di 48 mesi.

NOVITA DECRETO IMMIGRAZIONE

IMPORTANTI NOVITA CHE SI PROSPETTANO PER I PERMESSI DI SOGGIORNO

1-Il nuovo permesso per protezione speciale a salvaguardia del diritto alla vita privata e familiare dello straniero: la nuova norma prevede di tenere conto dei seguenti criteri:

  • effettività dei vincoli familiari dell’interessato
  • effettivo inserimento sociale
  • durata del soggiorno in Italia
  • esistenza di legami familiari, sociali e culturali con il proprio paese di origine.

2 – Permesso per motivi umanitari, correzione di rotta dopo l’abrogazione del Decreto : reintroduce la stessa discrezionalità alla base del permesso umanitario, consentendo di concedere asilo quando ragioni umanitarie lo impongono. Nuovi permessi di soggiorno che possono essere convertiti in permesso per lavoro subordinato.

3- Divieto di espulsione degli stranieri in gravi condizioni di salute:La nuova formulazione introdotta dal Decreto legge in esame, divieto di espulsione per “gravi  condizioni  psico-fisiche  o  derivanti  da  gravi patologie”.

4Permesso di soggiorno per calamità e “migranti ambientali”

5Permesso di soggiorno per ricerca scientifica: favorita la stabilizzazione in Italia dei ricercatori stranieri

6- Conversione del permesso di soggiorno dei minori affidati divenuti maggiorenni-novità

Per la conversione dei permessi di soggiorno ai minori affidati, divenuti maggiorenni, non è più consentito il rifiuto della domanda per la sola ragione del mancato rilascio di parere da parte del Comitato per i minori stranieri. Il decreto legge in esame nel prevedere il divieto di diniego per questa motivazione, introduce la procedura del silenzio-assenso, per cui il decorso del tempo nel silenzio dell’amministrazione competente (in questo caso del Comitato per i minori stranieri) equivale a provvedimento di accoglimento della domanda e quindi a parere favorevole.

7Permesso per cure mediche e diritto dello straniero a lavorare in Italia

8- Permesso per motivi di studio: Gli studenti che hanno fatto ingresso con visto per motivi di studio, rilasciato per l’intera durata del corso di studio possono soggiornare in Italia.

Decreto sicurezza Salvini , ecco le proposte di legge.

Sarà ripristinata la protezione umanitaria, che era stata eliminata dai decreti Salvini, e saranno ridotti i tempi, fa 4 a 3 anni, per richiedere la cittadinanza italiana.

 I richiedenti asilo potranno essere iscritti all’anagrafe.

Sono inclusi anche i seguenti emendamenti passati in commissione: 

uno che toglie il tetto massimo delle quote del decreto flussi per gli ingressi di stranieri per motivi di lavoro,

il secondo sulla non espellibilità anche di coloro che nei loro paesi d’origine potrebbero essere perseguitati per motivi legati all’orientamento sessuale e all’identità di genere.

Potrebbe interessarti anche…

Parte il decreto FLUSSI 2020

CATEGORIE DI LAVORATORI: 

  • Stagionali
  • Non stagionali
  • Autonomi

Requisiti decreto flussi stagionale:

  • Dimostrare che il datore di lavoro sarà in grado di garantire un reddito minimo e che effettivamente c’è stata una proposta di contratto di soggiorno.
  • L’alloggio presso cui risiede il cittadino straniero deve rispettare le norme stabilite dalla legge.
  • Non ci devono essere motivi che potrebbero ostacolare l’ingresso del lavoratore in Italia.

paesi dai quali e possibile fare la domanda:

4.500 lavoratori subordinati non stagionali cittadini di Albania, Algeria,
Bangladesh, Bosnia – Herzegovina, Corea (Repubblica di Corea), Costa
d’Avorio, Egitto, El Salvador, Etiopia, Filippine, Gambia, Ghana,
Ministero dell’Interno Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
Ministero delle Politiche
Agricole Alimentari e Forestali
5
Giappone, India, Kosovo, Mali, Marocco, Mauritius, Moldova,
Montenegro, Niger, Nigeria, Pakistan, Repubblica di Macedonia del Nord,
Senegal, Serbia, Sri Lanka, Sudan, Tunisia, Ucraina.

1.500 lavoratori subordinati non stagionali cittadini di Paesi con i quali nel
corso dell’anno 2020 entrino in vigore accordi di cooperazione in materia
migratoria.

Nell’ambito della quota prevista autorizzata la conversione in
permessi di soggiorno per lavoro subordinato di:
a) 4.060 permessi di soggiorno per lavoro stagionale;
b) 1.500 permessi di soggiorno per studio, tirocinio e/o formazione
professionale;
c) 200 permessi di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo
rilasciati ai cittadini di Paesi terzi da altro Stato membro dell’Unione
europea.
Nell’ambito della quota di cui all’art.2, è inoltre autorizzata la conversione in permessi di soggiorno per lavoro autonomo di:


a) 370 permessi di soggiorno per studio, tirocinio e/o formazione
professionale;
b) 20 permessi di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo,
rilasciati ai cittadini di Paesi terzi da altro Stato membro dell’Unione
europea.
Le quote destinate alle conversioni (6.150 unità) in permessi di soggiorno per
lavoro subordinato e autonomo

Sono inoltre ammessi in Italia, in via di programmazione transitoria dei flussid’ingresso dei lavoratori non comunitari per l’anno 2020, per motivi di lavorosubordinato stagionale, i cittadini non comunitari residenti all’estero entro una quotadi 18.000 unità, da ripartire tra le regioni e le province autonome a cura delMinistero del Lavoro e delle Politiche Sociali (art. 6 DPCM 7 luglio 2020).
La quota di cui al comma 3 dell’articolo 6, riguarda i lavoratori subordinati
stagionali non comunitari cittadini di

Puo interessarti anche…