Category Archive Latest News

PROROGA:Incentivi statali alla stabilizzazione di Lavoratori Socialmente Utili.

Proroga da parte di pubbliche  amministrazioni nel triennio 2019-2021 le condizioni previste per  le assunzioni a

tempo indeterminato di Lavoratori Socialmente Utili e di pubblica Utilità, e nelle more del completamento di tali procedure, prevede la proroga,
fino al 31 ottobre 2019, “da parte di enti territoriali e degli enti pubblici interessati, delle convenzioni e degli
eventuali contratti a tempo determinato”.

Inoltre, rispetto alla proroga dei “contratti a tempo determinato”, si precisa che rientrano nel campo di
applicazione della norma – e, quindi, sono prorogati fino al 31 ottobre 2019 – esclusivamente quelli dei
Lavoratori Socialmente Utili

 

Link Correlato: http://www.lavoro.gov.it/documenti-e-norme/normative/Documents/2019/Circolare-n-1-dell-11012019.pdf

PERCHÉ FARE IL 730? A COSA SERVE

 

Il 730 può essere fatto da laboratori e pensionati , tramite il quale  e possibile ottenere il rimborso delle spese mediche , farmaceutiche  , attrezzature terapeutiche, mobili ecc ,  ma anche le spese  per l’istruzione dei vostri figli e molto altro ancora.

Per chi ha una casa di proprietà e possibile chiedere il rimborso dell’Irpef al 50%  , ma  facendo il 730 si puo accerede a moltissime agevolazioni , il rimborso dell’imposta avviene direttamente in busta paga o nella pensione.

Chi può fare il 730:

  • Pensionati o lavoratori dipendenti (compresi i lavoratori italiani che operano all’estero per i quali il reddito è determinato sulla base della retribuzione convenzionale definita annualmente con apposito decreto ministeriale);

  • Lavoratori a tempo indeterminato e determinato 

  • Persone che percepiscono indennità sostitutive di reddito di lavoro dipendente (es. integrazioni salariali, indennità di mobilità);

  • Soci di cooperative di produzione e lavoro, di servizi, agricole e di prima trasformazione dei prodotti agricoli e di piccola pesca;

  • Sacerdoti della Chiesa cattolica;

  • Giudici costituzionali, parlamentari nazionali e altri titolari di cariche pubbliche elettive (consiglieri regionali, provinciali, comunali, ecc.);

  • Persone impegnate in lavori socialmente utili;

  • Lavoratori con contratto di lavoro a tempo determinato per un periodo inferiore all’anno.

Nuovo permesso di soggiorno per cure mediche ed iscrizione al SSN

Una buona notizia per gli stranieri che hanno bisogno di cure mediche.

In fatti con la nuova normativa , il permesso di soggiorno per “cure mediche” che prima veniva rilasciato maggiormente alle donne in gravidanza

ora viene rilasciato anche agli stranieri che necessitano di cure mediche e si trovano  in condizioni di salute di particolare gravità.

Tale permesso consente l’iscrizione al servizio nazionale , per lo straniero e può essere riconosciuto perché la dicitura e diversa alle altre, in fatti 

nel permesso di soggiorno per cure mediche troverete la seguente dicitura: art. 19, co. 2, lett. d) bis T.U. Immigrazione . 

Tale dicitura indica che lo straniero in possesso di questo tipo di permesso di soggiorno , potrà essere curato e non può  essere espulso dal paese. 

Link Correlati:  http://www.piemonteimmigrazione.it/images/Circolare_iscrizione_SSN_cure_mediche.pdf

 

Buone notizie: Modifica Requisiti di accesso al reddito di cittadinanza per gli stranieri.

 

Una buona notizia , La legge di conversione del D.L. 4/2019 che ha modificato i requisiti richiesti per i cittadini non comunitari per la concessione del reddito di cittadinanza, che prima prevedeva per tutti l’obbligo  di presentare anche “apposita certificazione rilasciata dal paese di origine , tradotta in lingua italiana e legalizzata riguardo alla loro situazione familiare, al reddito e al patrimonio immobiliare e mobiliare”  ora esonera le persone che non possono reperire le certificazioni  o farsi arrivare dal loro paese per ragioni   , quindi da oggi  sono essenti , non devono presentarle .

Dovranno solo presentare le documentazioni reperibili in Italia , come anche i cittadini europei , ed i rifugiati politic

 

BERGAMO : I CERTIFICATI ANAGRAFICI SI FARANNO NELLE EDICOLE

Bergamo.  La provincia ha pensato di agevolare il rilascio dei certificati anagrafici , rendendo le richieste più comode e veloci, sappiamo che non sempre si ha la possibilità ed il tempo di recarsi in comune per la richiesta  , infatti a Bergamo e nato uno sperimento che darà la possibilità hai cittadini di  chiedere le varie certificazioni nelle edicole della città , grazie ad un accordo tra il comune e le varie parti interessate , questo nuovo servizio ancora in fase di sperimentazione sarà presto disponibile in alcune edicole della città , e si spera successivamente anche in tutte le edicole del comune e provincia .  Questa è un’ottima  iniziativa nata  per agevolare i cittadini nelle richieste delle certificazioni , i quali potranno chiederla durante tutto l’orario di apertura delle edicole , compresso  sabato e domenica mattina ,  ma anche per agevolare e dare visibilità ad una categoria di negozianti che ha bisogno di essere sostenuta ed incoraggiata.

Link correlati:

Richiesta Certificati

 

 

REDDITO DI CITTADINANZA

 

Questo viene concesso, oltre ai cittadini Italiani e  Stranieri regolamentante soggiornanti . Per ricevere il reddito di cittadinanza   bisogna presentare  determinati requisiti,  di documenti , di residenza  di  reddito ed anche situazione patrimoniale.

Obblighi e sanzioni

Chi riceve l’aiuto ha poi l’obbligo di sottoscrivere un «patto per il lavoro» nei centri per l’impiego e accettare almeno una di tre offerte che dovrebbe ricevere, altrimenti si perde l’assegno. La prima offerta dovrebbe arrivare entro 6 mesi e a 100 km dal luogo di residenza, entro 250 km entro 12 mesi e in tutta Italia dopo un anno. Se viene prorogato il reddito per altri 18 mesi bisognerà accettare l’offerta ovunque. L’aiuto ricevuto potrà essere speso per acquistare qualunque bene, tranne che per il gioco d’azzardo. Si potranno anche ritirare soldi liquidi, per un massimo di 100 euro.

I cittadini degli Stati Uniti avranno bisogno di un visto per visitare l’Europa a partire dal 2021

 

L’Unione europea ha annunciato venerdì che i viaggiatori americani avranno bisogno di un nuovo tipo di visto – un sistema europeo di informazione e autorizzazione di viaggio  per visitare lo spazio europeo Schengen.